Archivio Storico delle Acque e delle Terre Irrigue

Ultimo aggiornamento il 6 marzo 2018 alle 15:02

L’Archivio Storico delle Acque e delle Terre Irrigue contiene documentazione di diversa provenienza, riconducibile sostanzialmente ai due grandi fondi archivistici (oggi informatizzati):

– l’Archivio Storico dei Canali Cavour, costituito da serie documentali, riferite ai vari periodi storici in cui lo Stato sabaudo prima, italiano poi, esercitò l’attività irrigatoria;

– l’Archivio Storico Est Sesia dove sono conservate serie documentali storiche di proprietà dell’Associazione Irrigazione Est Sesia, relative a canali privati acquisiti nel tempo. Si tratta di raccolte cartacee e iconografiche di non vasta estensione ma di notevole importanza storica.

Le serie che costituiscono il predetto Archivio sono così definite:

  • l’Archivio Storico della Società Anonima Cooperativa Associazione Irrigazione dell’Agro Est Sesia, società che precedette la costituzione dell’Associazione e che funzionò, in forma cooperativa, dal 1922 al 1926, anno di inizio dell’attività dell’Associazione Irrigazione Est Sesia;
  • gli Archivi Storici:
    • della roggia Mora;
    • del Consorzio Irriguo cavo Montebello;
    • del cavo Piatti;
    • delle rogge Guida, Camerona e Gattinera;
    • dei cavi Gropello, Viadane e cavi collegati;
    • del cavo Cazzani;
    • della Famiglia Braçorens de Savoiroux (in corso di ultimazione di inventariazione);
    • l’Archivio Barberis;
    • Fondo Archivio Gautieri;
    • l’Archivio del Distretto “Utenti Roggia di Valle”;
    • la Documentazione diversa proveniente da fondi privati – XIX e XX sec.;
    • l’Archivio Disegni (circa 700 pezzi);
    • Mappe, planimetrie, disegni di progetto ecc. – dal XVIII al XX secolo;
  • la Fototeca e la Lastroteca, una raccolta di immagini dalla costruzione del canale Cavour (1863) e di altri canali risalenti alla prima metà del XX secolo.

Al fine di preservare da manipolazioni e di conservare in modo ottimale i “pezzi” più antichi e quindi più delicati si sta procedendo alla digitalizzazione dei disegni e dei documenti.

 

L’Archivio Storico delle Acque e delle Terre Irrigue conserva inoltre:

  • gli antichi strumenti topografici e idraulici;
  • i modelli dei più importanti manufatti idraulici;
  • la quadreria del Nobile Collegio Caccia.